Modulo invio messaggio

Regione Campania

Parchi e giardini pubblici per cani in Campania: solo cinque i siti urbani registrati nell’elenco regionale

NAPOLI – Sembrerebbero solo cinque le aree pubbliche urbane dedicate agli animali domestici (soprattutto i cani) nei comuni della regione Campania. Lo si deduce dal numero delle aree di accoglienza registrato nel sito web istituzionale 
https://anag.gisacampania.it/
Il dato è – a quanto pare – parziale. Si ha motivo di supporre, infatti, che lo stato della registrazione online non sia aggiornato dal momento che nella Provincia di Salerno risultano – da consultazione del sito web dedicato – attive solo cinque aree su ben 158 enti comunali e sono tutte aree di località a sud di Salerno.
Occorre andare a Laviano in via Rocco Scotellaro con area di sgambamento in pieno centro urbano o nel Comune di Perito, dove c’è un’area dedicata nella Villa comunale della frazione Ostigliano. A San Pietro al Tanagro è aperto il Parco dei mulini in via dei Mulini, mentre a Santomenna in Vico II San Gaetano c’è un’apposita area di sgambamento. Ed infine nel Cilento, a Pollica, c’è il Parco “G. Campagnolo” di Acciaroli. Tutto qui.
Troppo poche sarebbero le aree di accoglienza attivate sul vasto territorio provinciale.
Si consideri oltretutto che nella Campania il numero totale di cani, gatti e furetti identificati tramite microchip e/o tatuaggio, aggiornato a ieri 26 novembre, è di 1.360 unità.
È facile concludere che occorrerà integrare l’elenco regionale delle aree di accoglienza riservate agli animali d’affezione nei parchi e giardini pubblici attrezzati con l’indicazione dei servizi offerti. Lo prevede l’art. 3, comma 1, lett. l della Legge regionale n. 3 dell’11 aprile 2019 recante disposizioni volte a promuovere e a tutelare il rispetto ed il benessere degli animali d’affezione e a prevenire il randagismo.
Un servizio utile, già attivo, che può essere evidentemente migliorato.
Per conoscere l’anagrafe di provenienza di un cane smarrito occorre intanto inserire il codice a 15 cifre del microchip o quello del tatuaggio nell’apposito spazio del sito web del Ministero della Salute https://www.salute.gov.it/anagcaninapublic_new/home.jsp
Ricordiamo che la lettura del microchip per ottenere il codice può essere effettuata presso i servizi veterinari delle ASL e presso gli ambulatori veterinari privati muniti di apposito lettore. (g.f.)

Lascia un commento