Modulo invio messaggio

Municipio Eboli

ICI, TARI ed altri tributi: al via ad Eboli la definizione agevolata delle entrate non riscosse

EBOLI – Pagare i tributi arretrati, senza corrispondere le sanzioni e gli interessi. Si può fare. L’Ente comunale tende una mano agli inadempienti. Occorre aderire alla cosiddetta “definizione agevolata” delle entrate non riscosse. Parliamo delle quote pretese dall’Ente locale con provvedimenti di ingiunzione e accertamenti esecutivi relativi a ICI, IMU, TASI, TARSU, TARI, TARES, COSAP, CDS.
È consentito pagare le somme in unica soluzione, purché entro il 29 febbraio 2024 o anche in massimo 60 rate mensili, purché la prima rata sia in scadenza il 29 febbraio 2024.
Va da sé che le rate massime consentite sono determinate in ragione del debito complessivo.
Si terrà conto dei seguenti scaglioni:

  • fino a 100 euro: nessuna rateizzazione;
  • da 100,01 a 500 euro: fino a quattro rate mensili;
  • da 500,01 a 3.000 euro: da cinque a dodici rate mensili;
  • da 3.000,01 a 6.000 euro: da tredici a ventiquattro rate mensili;
  • da 6.000,01 a 20.000 euro: da venticinque a trentasei rate mensili;
  • oltre i 20.000,01 euro: da trentasette a sessanta rate mensili.

Se si decide di pagare a rate occorre poi tener in considerazione si applicano gli interessi al tasso del 2%, in analogia con la definizione agevolata nazionale. E ciò a decorrere dal 1 marzo 2024.
Chi intende aderire alla definizione agevolata deve presentare istanza – è esente da bollo – entro il prossimo 31 ottobre.
L’istanza va trasmessa tramite posta elettronica certificata all’indirizzo pec comune@pec.comune.eboli.sa.it consegnata a mano presso il protocollo generale del Comune o con raccomandata A/R all’indirizzo di Via Matteo Ripa 49.
Maggiori dettagli sono disponibili sul sito web istituzionale, da cui peraltro è possibile ‘scaricare’ l’Avviso.
Si informa inoltre che le informazioni utili sulla procedura di definizione agevolata delle entrate potranno essere acquisite presso l’Ufficio Tributi in via Matteo Ripa il martedì (ore 8:30/13:30 – 15:30/17:30) e il giovedì (8:30/13:30). (g.f.)

Lascia un commento