Modulo invio messaggio

Portodiagropoli Slider 4

Ormeggi barche ai pontili comunali: al via il bando del Comune di Agropoli

AGROPOLI – Al via l’assegnazione dei posti di ormeggio nel porto. Con la delibera di giunta n. 584 del 7 dicembre scorso era stato approvato il piano degli ormeggi; con la determina del Responsabile del Servizio Porto e Demanio marittimo n. 2206 di ieri 13 dicembre è stato poi approvato il bando di concorso. Un’iniziativa regolamentata, a monte, dal Nuovo regolamento approvato nel giugno 2021 per la gestione e l’assegnazione degli spazi acquei ai fini di ormeggio e delle attrezzature comunali accessorie gestite in regime di concessione dal Comune di Agropoli. Il tutto a valere sulla Concessione Demaniale Marittima n. 152/2007 per l’utilizzo di aree e specchi acquei nell’ambito del porto di Agropoli.
Il bando è indetto per la formazione di una graduatoria. Più precisamente, ci si riferisce ai pontili comunali e specchi acquei gestiti dal comune in regime di concessione demaniale marittima regionale. La durata della graduatoria è fissata in due anni, dal gennaio 2024 al dicembre 2025.
Chi è interessato dovrà presentare domanda in bollo obbligatorio da € 16,00, a pena di esclusione, dal 20 al 29 dicembre 2023 tramite PEC, a mano o a mezzo raccomandata al Protocollo dell’Ente comunale. La categorie dei soggetti ammessi a concorso, con le tipologie ed i posti disponibili, sono riportati di seguito. Ci sono 24 posti per natanti fino a 8 mq fino a ml. 5,00; 44 per natanti da mq 8,01 a 12 mq da ml. 5,01 a ml. 6,00; 85 per natanti da mq 12,01 a 16 mq da ml. 6,01 ml. 7,00; 65 per natanti da mq 16,01 a 20 mq da ml. 7,01 a ml. 7,50; 10 per natanti da mq 20,01 a 25 mq da ml. 7,51 a ml. 8,00; 9 per natanti da mq 25,01 a 30 mq da ml. 8,01 a 9,00; 3 posti soltanto, infine, per imbarcazioni superiori a 30 mq da 9,01 a ml. 12,00.
Chiariamo che è autorizzato l’ormeggio di sole cinque barche a vela aventi un pescaggio massimo fino a m. 1,50. Una restrizione causata dal basso fondale. Va a tal proposito ricordato che non possono essere ormeggiate imbarcazioni aventi lunghezza superiore a ml 12.00.
Il piano degli ormeggi rappresenta uno strumento tecnico di massima, che potrà evidentemente essere aggiornato in qualsiasi momento dell’anno ad insindacabile giudizio dell’ufficio competente.
Prima della pubblicazione della graduatoria provvisoria, l’ufficio competente – in base al numero delle istanze pervenute ed alla tipologia dei natanti o imbarcazioni – si riserva pertanto di modificare il piano degli ormeggi. (g.f.)

Lascia un commento