Modulo invio messaggio

93025FCC 2267 4651 85E9 0EAB0299400E

Il pubblico a misura di bambino: una nuova area-giochi


BATTIPAGLIA – Più che una nuova area attrezzata è un’area attrezzata di nuovo. Stiamo parlando del punto-gioco per l’infanzia nella Villa comunale “Ezio Longo” che incornicia un tratto del fiume Tusciano, tra via Adige, via Campania e via Domodossola. L’area per le attività ludiche è stata traslocata sul versante interno della villa, alle spalle del nuovo chiosco che campeggia lungo il vialetto che, dall’ingresso principale di via Domodossola, si srotola fino all’anfiteatro. La nuova isola sarà inaugurata sabato 6 luglio alle ore 19.00. L’Amministrazione Francese ha provveduto a riparare le giostrine guaste, prima montate altrove, e ha impiantato attrazioni per i bambini di recente acquisto.
Un intervento reso possibile grazie al finanziamento regionale ottenuto ai sensi del Decreto Dirigenziale n. 2 del 18.01.2017.
La vera novità è proprio questa: l’installazione di giochi destinati anche ai bambini con disabilità: una scelta di civiltà che, una volta tanto, ricongiunge questa parte del Mezzogiorno al resto d’Europa.
Promossa dagli Assessori Rosaria Caracciuolo e Pietro Cerullo, l’iniziativa è volta a ripristinare una dimensione importante della vivibilità nel quartiere, laddove il giardino pubblico, opportunamente attrezzato secondo le esigenze dei piccoli e dei grandi, può offrire una concreta occasione di incontro e scambio sociale tra le generazioni.
Un piccolo ma significativo caso, dunque, di rigenerazione materiale che interpella la coscienza civica di tutti. Il problema – e non c’è evento o proclama che tenga – resta quello della manutenzione ordinaria, ossia della quotidiana messa in campo di misure atte a contenere l’usura delle strutture e delle suppellettili in un’area pubblica che esige costanti interventi sul fronte della sicurezza. Precisando che se le giostrine si rompono, il più delle volte la colpa non è dei bambini, ma degli adulti che, manomettendone l’originaria vocazione, ne fanno cattivo uso senza rispetto dei bambini. (g.f.)

Lascia un commento