Modulo invio messaggio

2AA647DF A475 40E8 A776 5B300B576DBD

Contro la corruzione: i cittadini chiamati a scrivere il PTPC comunale


BATTIPAGLIA – C’è tempo fino al 18 Gennaio 2019 per partecipare al rinnovo del PTPC 2018-2020. Tutti i battipagliesi, singoli o associati, sono invitati a far pervenire i loro contributi per meditare ed attuare, insieme all’istituzione comunale, le vie della legalità, per assicurare la trasparenza, contro la corruzione. È un affarserio, nulla di astratto. È un invito, quasi un dovere, da adempiere con sollecitudine. L’Ente comunale lo fa organizzando una consultazione pubblica per l’aggiornamento.
È, in particolare, la Dott.ssa Brunella Asfaldo, Segretario Generale del Comune, a ricoprire la carica di Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (RPCT). È di fatto lei a promuovere, con apposito avviso n. 101199 dello scorso 17 dicembre, pubblicato nell’Albo Pretorio, la consultazione, affinché l’atto comprensivo della sezione ‘Trasparenza’ sia regolarmente rivisitato.
La finalita’ è coinvolgere i cittadini e le organizzazioni portatrici di interessi collettivi: i battipagliesi sono chiamati a formulare idee e proposte, affinché sia meglio illuminato il vincolo essenziale tra gli interessi legittimi e le prestazioni amministrative. Di mezzo c’è la qualità del servizio pubblico, da tradurre nei principi di efficienza, efficacia ed economicità, senza obliare tutte le garanzie correlate alla trasparenza. È questione, oltretutto, di prevenzione, un po’ come si fa per tener lontane le malattie: se ci si premunisce in tempo ed in modo adeguato, più difficile sarà deviare dal buon operato amministrativo.
La necessità di una rigorosa messa a punto del PTPC è stata introdotta dalla L. 190/2012. Tale misura va realizzata nel rispetto delle previsioni del D. Lgs. 33/2013, come modificato dal D. Lgs. n. 97/2016.
Lungi dal costituire un mero adempimento burocratico, il PTPC è di fatto uno strumento agile e flessibile che definisce le azioni di tutela del buon andamento della P. A., perché essa sia messa al riparo dai fenomeni di corruzione, soprattutto nei contesti territoriali. Grazie al PTPC, le azioni poste in essere sul fronte della legalità godono di evidenza documentaria, in quanto rendicontate e rese accessibili nella piena trasparenza delle scelte e dei processi innescati dall’amministrazione locale. Gli interessati possono trasmettere i propri contributi utilizzando l’apposito modulo pubblicato sul sito web istituzionale. (g. f.)

Lascia un commento